giovedì 10 febbraio 2011

...La poesia è il salvagente 
cui mi aggrappo
quando tutto sembra svanire.
Quando il mio cuore gronda
per lo strazio delle parole che feriscono,
dei silenzi che trascinano
verso il precipizio.
Quando sono diventato così 
impenetrabile
che neanche l'aria
riesce a passare...
-Kahlil Gibran-

(è il mio rifugio segreto, il mio mondo, dove la realtà non ha il permesso di entrare)...

9 commenti:

  1. Una risposta in prosa ad una questio in poesia: adoro Kahlil!

    RispondiElimina
  2. L'adoro anch'io...è, per me, un compagno di viaggio...

    RispondiElimina
  3. le sensazioni nel nostro silenzio solitario macchiano pagine dell'essenza di noi.Poesia nasconde emozione con immagini.

    RispondiElimina
  4. ...tanta emozione...a tal punto che ne resti ammaliata,incantata, dolcemente frastornata...a tal punto che tutto il "resto" scompare in un attimo...felice sempre di trovarti mio caro amico...

    RispondiElimina
  5. re..io non tento la sorte batto solo banco,sempre in gioco...è una sfida.Grazie cara lettrice.

    RispondiElimina
  6. La mia vita è una continua sfida...spero di riuscire a farmi capire nei commenti che scrivo, sicuramente non sono alla vostra altezza...comunque ci provo...grazie a te "poeta"

    RispondiElimina
  7. no devi preoccuparti,è bello scrivere in pubblico per trovare un confronto,penso sia sempre qualcosa di costruttivo.Certo che ne sei all'altezza.
    :))

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Si, è bello essere quì con voi, e bello trovare te sempre "poeta"...se sono troppo sdolcinata fermami...scherzo!!! ti ringrazio...

    RispondiElimina