domenica 27 febbraio 2011


...Non dormo, non ho sonno, non piango...
ascolto...
Semplicemente ascolto, il silenzio della notte.
Quel silenzio così penetrante che squarcia in due
il mondo imperfetto che ti eri da sola forgiata.
Il consiglio di un amico,
il sorriso di una persona cara,
una parola detta per caso,
una musica che si diffonde nello spazio,
dove aleggiano parole prive di senso per qualcuno
ma colme di significato per te...

Un proliferare di voci che accrescono in te la consapevolezza
che tutto nella vita può cambiare.
E ti ritrovi a dover attraversare una strada che non conoscevi,
una strada diversa dai tuoi pensieri,
forse un pò cambiata nell'animo,
ma non nel cuore.
La consapevolezza di essere unica,
forse anche un pò bizzarra,
ma di certo te stessa.
E inizi a pronunciare parole che prima tenevi solo per te,
a parlare della tua vita nella maniera più spontanea,
così...come per gioco...
Cadono le frontiere,
si abbattono i muri dell'indifferenza,
un senso di profonda crescita interiore
ti fa comprendere che è meglio esternare ciò
che fino ad ora era rinchiuso in un pozzo da troppo tempo dimenticato.
Apri le finestre, guardi il cielo, e in un tentennare di emozioni
che ti fanno sentir viva più oggi  di quanto lo credevi in passato,
riscopri che l'acqua sgorga, le stelle brillano...
e la libertà di essere se stessi...
è il dono più bello che ci è concesso...




(mi scuso per i commenti del post precedente che ho tolto e che ho notato troppo tardi, grazie)

2 commenti:

  1. Non avevo sonno nemmeno io ed ho ascoltato il silenzio notturno e la pioggia battere sulle tegole tutta la notte. Ora è l'ideale per addormentarsi. Questo è Me stesso.
    Io dorme già da un po'.

    RispondiElimina
  2. Sei sempre molto simpatico...qui invece ha nevicato tutta la notte...

    RispondiElimina